Once On This Island – Review from LONDON

The revival of Once On This Island of the British Theatre Academy (BTA) at the Southwark Playhouse had received way too many enthusiastic reviews to not go and see it. So, on a Sunday, I found myself on the front row, with my loyal best friend by my side, to see this show. And none of us went home disappointed.

I knew very few things about this musical before I went to see it: I vaguely knew the plot, based on a book which is also based on the original story of The Little Mermaid (but set in cantral America) and Alex Newell‘s incredible version of “Mama Will Provide” of the Broadway revival directed by Micheal Arden, which the public loved so much that is now on tour around the US.

Music and lyrics are respectivly by Stephen Flaherty and Lynn Ahrens, who, for those who don’t know them, are the authors of Anastasia (the cartoon and musical) and Ragtime,to name a few… As you can imagine, the score is wonderful. The only flaw of the show lays maybe within the plot, in which Ti Moune falls in love with Daniel as soon as she sees him, without creating a real connection between the two, as it often happens in fairytales.

The BTA offers training and the chance to perform on a stage to a lot of kids in the UK and has been doing so for almost 30 years now: the cast is, in fact, all composed by young people impersonating even the older characters.

The audience is allowed inside the auditorium only 15 minutes before the start of the actual perfomance, and soon the reason is clear: many of the actors are already on the stage in costume and in character, setting the scene. To use the words of my best friend, which I find very accurate, it feels like entering the house of one of those big families during a holiday: noisy, a bit mad, but filled with joy, love and a feeling of community. There are those who try to sell you some bamboo canes for the reasonable price of your sandals, your watch or your wife, those who challenge each other to a race to impress the girls, those who scold the youngsters, and so on.

The audience and stage layout is the same as the one of the Broadway revival, a good choice in my opinion, with the audience sat on numbered chairs positioned on two opposite set of stairs divided by a large hallway that works as the stage. The floor is the map of the Antilles archipelago (Cuba, the Dominican Republic, Jamaica, Puerto Rico,…). As soon as you enter, on the left side, there is a large circle that if properly lit up can work as the sun or the moon that creates a beautiful and useful effect.

Once On This Island it’s a musical in which the ensemble is very present and creates very evocative moments with intense, expressive and energetic coreography, the entire cast moving to the sound of marimbas and drums playing typical caribbean rhythms that truly become part of the storytelling. It doesn’t come as a surprise then, that Lee Proud, the coreographer, is also the director of the show. It was a shame not being able to see the members of the band (they were on another level, higher that the stage) that must have really had the time of their life playing such a fun score, and that gave nonetheless an impeccable performance.

The costumes are pretty simple, exception made for the four gods: Agwé, god of water, Erzulie, goddes of love, Asaka, mother of the earth, and Papa Ge, demon of death. They each wear an extravagant wood headpiece that differenciates them from the rest of the cast. The props are not many but they are very well used by the cast and very effective during scenes like “Rain”, in which two big torches act like the headlights of a car in the night and tires are rolled along the stage to symbolize the car racing through the storm summoned by Agwé and represented by two long fishing nets that are laid and shook by the cast. Obviously a lot of the credit also goes to the amazing lighting design by Andrew Exeter.

The cast, as I already said, is composed of young people, but not only that, it’s also almost entirely BAME (Black, Asian, Minority Ethnic) exception made for the two caucasian performers who play the Beauxhommes, that is to say the descendants of the wealthy white French who tried to colonize the islands. It’s an exceptional cast, that immediately fills the room with energy and feeling, with extraordinary voices. Starting with the protagonist, Ti Moune, playd by Chrissie Bhima, a young performer with an incredible voice and strong interpretative skills. But the four gods are worth mentioning as well: Aviva Tulley (Erzuli) with an incredible agility and sweetness to her voice sings a truly delightful “The Human Heart”, Jonathan Chen (Asaka) with is exuberance belts out easily a formidable “Mama Will Provide” that makes us all want to go with him, Kyle Birch’s (Agwé) strong and beautiful voice only adds to previously mentioned stunning scenes like “Rain” and last, but not the least, Martin Cush (Papa Ge) that perfectly embodies the evil spirit both with the body and with the voice. Ti Moune’s adoptive parents are wonderfully played by Marie-Anne Caufour and Andre Beswick, even though they are much younger that the characters. Daniel is played by a convincing Sam Tutty (who is outstanding as Even Hansen in the West End production of Dear Evan Hansen PLS GO AND SEE IT) with his great voice. But the ensemble, as I already said, is truly the strenght of this production and deserves a special mention.

I loved this production very much, it was lovely seeing all this young talent showcased, but also, being sat in the front row, it really felt like entering their world. During the Dance, I was lucky enough to be chosen, along with other members of the audience, to dance on stage with all the actors and at the end I also held one of the many ribbons that symbolize the branches of the tree in which Ti Moune transforms. Once On This Island really was a joy to witness and, needless to say, I downloaded the album as soon as I got home.


TRADUZIONE


Il revival di Once On This Island della British Theatre Academy (BTA) alla Southwark Playhouse aveva ricevuto recensioni troppo entusiaste per lasciarselo scappare, e quindi, una domenica, mi sono ritrovata in prima fila, sempre accompagnata dalla mia fedele migliore amica, a vedere questo show. E nessuna delle due è rimasta delusa.

Di questo musical, prima di andarlo a vedere, conoscevo solo vagamente la storia, tratta da un libro ispirato a sua volta dalla favola originale della Sirenetta (ma ambientata in America Centrale) e la spettacolare versione di Alex Newell di “Mama Will Provide” del revival di Broadway diretto da Michael Arden, che è piaciuto talmente tanto al pubblico che è partito per un meritato tour degli Stati Uniti.

La musica e il libretto sono rispettivamente di Stephen Flaherty e Lynn Ahrens, che per chi non li conoscesse sono gli stessi di “Anastasia” (il cartone e il musical) e “Ragtime”, per citarne qualcuno… e, come potete immaginare, la score è veramente bella. La pecca del musical sta forse nella trama, che vede Ti Moune innamorarsi di Daniel a prima vista, senza creare davvero l’intesa tra i due, come succede, appunto, nelle favole.

La BTA offre training e possibilità di andare in scena a tantissimi ragazzi del Regno Unito da ormai quasi 30 anni, infatti nel cast anche i ruoli più anziani sono interpretati da ragazzi giovani.

Il pubblico viene lasciato entrare in sala solo 15 minuti prima dell’inizio effettivo della performance, e presto se ne capisce il motivo: molti degli attori sono già in scena in costume creando l’atmosfera. Per usare le parole della mia migliore amica, che trovo molto giuste, sembra di entrare in casa di una di quelle famiglie molto grandi nel periodi festivi, in cui c’è tanta confusione ma anche tanta gioia e amore e un senso di comunità speciale. C’è chi cerca di venderti bambù in cambio di saldali, un orologio, tua moglie, chi fa gare di corsa per impressionare le ragazze, chi rimprovera i giovani, e via dicendo.

Viene mantenuta la disposizione di pubblico e palco del revival di Broadway, una scelta azzeccata secondo me, con il pubblico seduto su due scalinate di sedie che si guardano, divise al centro da un grande corridoio che funge da palco, il cui pavimento è la mappa dell’arcipelago delle Antille (Cuba, la Repubblica Dominicana, la Giamaica, Porto Rico…) . Appena si entra, sulla parete sinistra, c’è un enorme tondo che, illuminato a dovere, funge da sole e da luna, creando un effetto al contempo funzionale e bellissimo.

“Once On This Island” è un musical in cui l’ensemble è quasi sempre presente e crea momenti davvero suggestivi con coreografie coinvolgenti, energiche e intense, su ritmi tipicamente caraibici di marimbe e tamburi, che diventano parte integrante del racconto. Non è quindi un sorpresa che Lee Proud, il coreografo, sia anche il regista dello spettacolo. Un peccato non riuscire a vedere la band, posta su un altro livello, che con una score del genere si deve essere divertita molto. Il risultato comunque era impeccabile.

I costumi sono abbastanza semplici, fatta eccezione per le quattro divinità: Agwé, dio dell’acqua, Erzulie, dea dell’amore, Asaka, madre della terra e Papa Ge, demone della morte, che sono provvisti di stravaganti copricapi di legno che li distinguono dal resto del cast. Gli oggetti di scena non sono molti, ma tutti ben utilizzati dal cast e di grande effetto in scene come “Rain”, in cui due grandi torce fanno da fari dell’auto che si fa strada nel buio, i copertoni vengono fatti rotolare da una parte all’altra del palco a simboleggiare la macchina che corre nel mezzo della tempesta creata da Agwé evocata dalle lunghe reti da pesca stese e scosse dal cast. Ovviamente gran parte del merito va anche a uno splendido disegno luci ad opera di Andrew Exeter.

Il cast come ho già detto è tutto molto giovane, ma anche quasi tutto BAME (Black, Asian, and Minority Ehtnic) fatta eccezione per due performer caucasici che interpretano appunto i Beauxhommes, ovvero i discendenti degli altolocati bianchi francesi che tentarono di conquistare le isole. Un cast eccezionale, che da subito riempie la stanza di energia e sentimento, con delle voci strepitose. A partire della protagonista Ti Moune, interpretata da Chrissie Bhima, una giovanissima performer con una voce spettacolare e un abilità interpretativa non da poco. Ma anche le quattro divinità si distinguono: Aviva Tulley (Erzuli) con la sua voce estremamente agile e dolce interpreta una “The Human Heart” veramente deliziosa, Jonathan Chen (Asaka) con la sua esuberanza canta senza problemi una strepitosa “Mama Will Provide” e ci fa venire voglia di andare tutti con lui, Kyle Birch (Agwé) che con una splendida e potente voce accompagna bellissime scene già citate come “Rain” e ultimo, ma non ultimo Martin Cush (Papa Ge) che interpreta perfettamente il ruolo del cattivo sia con la voce che con il corpo. Anche i genitori adottivi di Ti Moune vengono interpretati egregiamente da Marie-Anna Caufour e Andre Beswick, nonstante la differenza di età con i personaggi. Daniel viene interpretato da un convincente Sam Tutty (che è meraviglioso nel ruolo di Evan Hansen nella produzione del West End di Dear Evan Hansen ANDATELO A VEDERE GRZ PRG) dotato di una bellissima voce. Tutto l’ensemble, come ho già detto, è veramente la forza portante di questa produzione e merita una menzione speciale.

Ho amato molto questa produzione, con tutto questo talento giovane in mostra, anche perché, essendo in prima fila, sembrava proprio di entrare nel loro mondo. Durante il ballo ho anche avuto il privilegio, assieme ad altri membri del pubblico, di ballare sul palco con gli attori e alla fine anche quello di tenere uno dei nastri che stavano a simboleggiare i rami dell’albero nel quale Ti Moune si trasforma. Once On This Island è stato una vera gioia da andare a vedere, inutile dire che appena finito lo spettacolo mi sono fiondata a scaricare l’album.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close