Sweeney Todd – La nostra recensione

Nella vita bisogna sempre prendere una posizione, e questa è la nostra sul più famoso barbiere di Fleet Street!

Sono stato alla prima milanese di Sweeney Todd diretto dal regista Claudio Insegno e prodotto dalla Dimensione Eventi, e devo dire di essere rimasto soddisfatto di questo spettacolo. Si narrano le vicende di un barbiere londinese, Sweeney Todd per l’appunto, il quale rientra da un lungo esilio forzato con l’unico scopo di vendicarsi di chi l’ha separato dalla sua famiglia. Grazie all’aiuto di Mrs Lovett riuscirà a pianificare e mettere in atto la sua vendetta, con un finale a sorpresa! (Per saperne di più, leggi anche: Consiglio della settimana: Sweeney Todd)

Titolo: Sono molto felice che in Italia sia arrivato un titolo come questo, fuori dal coro ed irriverente… Finalmente! È definito un “thriller musical”, quasi operistico se vogliamo dirla tutta ed è scritto dalla mano attenta e sapiente di Stephen Sondheim. Uno dei lavori più difficili, ovvero la traduzione delle liriche, è stato fatto da Emiliano Palmieri. Dopo già aver fatto un ottimo lavoro con Kinky Boots, si prende carico di questa nuova sfida, sicuramente più difficile della precedente, ma nonostante tutto il risultato è soddisfacente! Voto: 8/10

Regia: Claudio Insegno è alle prese con uno spettacolo diverso dal solito. Il lavoro attento che fa con gli attori sulla costruzione dei loro personaggi non manca neanche questa volta. Ogni personaggio risulta veritiero e mai una macchietta stereotipata, ironici e cupi quanto basta. È uno spettacolo che, seppur lungo e per la maggior parte cantato, scivola bene e tiene incollato lo spettatore alla poltrona. Voto: 7,5/10

Cast: Un cast d’eccezione, ai veterani del mondo del musical si uniscono giovani di grande talento e con una carriera promettente. In fondo in fondo anche noi italiani possiamo vantarci di formare e sfornare nuovi performer qualificati e talentuosi!
Regina incontrastata della serata è senza dubbio Francesca Taverni. Con la sua voce e la sua interpretazione eccezionali regala al personaggio di Mrs Lovett una performance incontenibile. Al suo fianco troviamo un Lorenzo Tognocchi molto adatto al personaggio, nonostante sia forse un po’ troppo giovane per quel ruolo, ma nonostante questo indossa molto bene gli abiti di Todd dall’inizio alla fine. La bravura di Luca Giacomelli Ferrarini e di Simone Leonardi (Anthony il primo, il giudice Turpin il secondo) oramai è nota al pubblico del musical italiano, e anche questa volta non ci deludono, facendo venire al pubblico la pelle d’oca. Infine mi piacerebbe citare tre ragazzi che mi hanno particolarmente sorpreso: Vitantonio Boccuzzi (Il messo), Domenico Nappi (Pirelli), e Federica De Riggi (Johanna). Nonostante siano sul palcoscenico con attori navigati non sfigurano, anzi, riescono a distinguersi e ad emergere molto bene (lo si intuisce dallo scroscio di applausi che li accoglie nei saluti finali)! E i complimenti non possono che estendersi anche a tutto il resto del cast, senza la quale il risultato non sarebbe stato così positivo. Voto: 7,5/10

Scenografie e Costumi: I costumi di Lella Diaz, sono adatti, e aiutano ad immedesimarsi nell’epoca in cui si svolge lo spettacolo. La scenografia è statica ma molto curata, compreso lo scivolo segreto nascosto nel negozio del barbiere. Voto: 7/10

  • 8/10
    Titolo - 8/10
  • 7.5/10
    Regia - 7.5/10
  • 7.5/10
    Cast - 7.5/10
  • 7/10
    Scenografie e Costumi - 7/10
7.5/10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close